Art Dèco & Shabby Chic

Art-Deco-Shabby-Chic

L’Eleganza Raffinata dell’Art Dèco: Un Viaggio nel Design degli Anni ’20

L’Art Déco, è un movimento artistico e di design che ha fiorito negli anni ’20 e ’30 del XX secolo. Rappresenta infatti, un’epoca di eleganza raffinata e stile distintivo. Questo stile, nato come risposta al precedente movimento artistico dell’Art Nouveau, si è diffuso in tutto il mondo, influenzando l’architettura, il design degli interni, la moda e le arti decorative.

Caratterizzato da linee geometriche nette, colori audaci e materiali lussuosi, l’Art Déco ha incarnato il glamour e la modernità. Uno degli aspetti distintivi di questo stile è l’uso abbondante di motivi geometrici come zigzag, esagoni e linee parallele, che conferiscono agli oggetti un aspetto dinamico e sofisticato. Le forme aerodinamiche ispirate al mondo della tecnologia emergente, come l’aviazione e l’industria automobilistica, hanno contribuito a creare un’estetica futuristica e avanguardista.

Nell’architettura, gli edifici Art Dèco spesso presentano facciate decorate con dettagli scolpiti, vetrate colorate e torri slanciate. Questi elementi si combinano per creare una sensazione di verticalità e dinamismo. Celebri esempi di architettura Art Déco includono l’Empire State Building a New York e il Palais de Chaillot a Parigi.

Nel design degli interni, l’Art Dèco ha introdotto mobili lussuosi con finiture in lacca, ottone e legno pregiato. Divani dalle linee curve e poltrone con rivestimenti in velluto sono diventati simboli di comfort ed eleganza. Oggetti d’arte e decorazioni come sculture, lampade e specchi hanno spesso incorporato materiali come l’avorio, il cromo e il vetro sfaccettato.

I colori predominanti nell’Art Dèco includono il nero, l’oro, l’argento, il blu profondo e il rosso intenso. Questa palette ricca contribuisce a creare uno spazio lussuoso e teatrale. La combinazione di materiali pregiati e colori vibranti ha reso gli interni Art Déco irresistibilmente chic.

Dall’elegante Art Déco, al romantico Shabby Chic. Confrontare Art Dèco e Shabby Chic di significa immergersi in due estetiche uniche e affascinanti legate a periodi e influenze molto diversi.

Art Déco: L’Eleganza Geometrica e Moderna

A differenza dello Shabby Chic, con l’Art Déco, entriamo in un mondo di geometrie distinte, materiali lussuosi e uno stile audace e moderno. Nato nei primi anni del XX secolo, l’Art Déco è caratterizzato infatti, da linee pulite, motivi geometrici, e una palette di colori ricchi e intensi. La combinazione di materiali pregiati come l’avorio, il cromo, il vetro e l’ottone crea un’estetica di lusso e modernità.

Gli interni Art Déco spesso presentano mobili con forme audaci e linee eleganti. I colori dominanti includono dunque il nero, l’oro, l’argento e il blu intenso. Elementi molto decorativi come specchi sfaccettati, lampade artistiche e opere d’arte astratte contribuiscono infatti a creare un ambiente sofisticato e glamour.

Shabby Chic: L’Incanto dell’Usato e del Romantico

Lo stile Shabby Chic invece, è un abbraccio all’usato vissuto e al romantico. Ispirato alle case di campagna francesi, provenzali. Questo stile è caratterizzato da arredi bianchi o decapati, tessuti floreali e un aspetto generale vissuto. La priorità è data all’atmosfera accogliente e all’aspetto “consumato dal tempo”. Mobili dipinti di bianco, spesso con tracce di vernice screpolata, creano un’atmosfera vintage e romantica. Tessuti morbidi e leggeri, come il lino o il cotone, sono spesso abbinati a tocchi di rosa, celeste o verde pastello.

Le case in stile Shabby Chic tendono a essere piene di elementi decorativi, come cornici shabby, specchi decorati, candele e fiori freschi o finti. L’obiettivo è creare un ambiente che sembri raccontare storie e conservare il fascino retrò del passato.